ETIENNE LE RALLIC
Illustratore e sceneggiattore
1891-1968

 

Etienne Le Rallic

(Angers 23 maggio 1891 — Sorel-Moussel 3 novembre 1968)


Etienne Marie Lucien Le Rallic nasce il 23 maggio 1891 a Angers in una famiglia di origine bretone da Jean Marie Le Rallic ufficiale dell’esercito e Thérèse Sophie Levesque. Il padre viene inviato in guarnizione a Rennes e qui Le Rallic fai suoi studi superiori. al collegio St Vincent. Fin da bambino le sue due passioni sono il disegno e i cavalli. In una intervista del 1944, alla rivista Ololé dichiarò di aver cominciato a disegnare a due anni. I cavalli una passione che non lo lasciò mai furono il soggetto costante dei suoi disegni.

A scuola comincia, prima a regalare, poi, quando il padre gli sospende la sua paga settimanale, a vendere i suoi disegni ai compagni.

Nel 1910 giovanissimo si reca a Parigi come tutti i provinciali in cerca di fortuna e la trova sul treno che lo porta nella capitale: suo compagno di viaggio è il direttore della rivista Fantasio importante rivista umoristica che visto il suo portafoglio lo assume immediatamente. Fantasio gli apre le porte di altre riviste Le Rire, Le Sourire, Le Petit Illustre Amusant, Pages Folles, La Baïonette. È l’inizio di una carriera in cui collaborerà a decine e decine di riviste,

Coscritto nel 1912 viene inviato alla scuola di cavalleria di Saumur ed è ancora sotto le armi quando scoppia la Grande Guerra a cui partecipa arruolato nel 21mo Dragoni. Conosce la sua futura moglie Marthe Wirth cassiera alle Editions françaises illustrées che editavano La Baïonette e la sposa il 31 luglio 1919. La coppia abita inizialmente a Parigi e dal 1924 a Saint Germain en Laye dove resteranno 41 anni.

Le Rallic era molto metodico nel suo lavoro. Anche in vacanza, lavorava dalle sei del mattino fino all’una. A Saint Germain si recava a prendere l’aperitivo (amava il pernod) in uno dei caffe sui boulevards con i suoi vecchi amici ufficiali e nel pomeriggio andava immancabilmente a cavallo (ne possedette uno) Durante una delle sue uscite, nel 1933, cadde e fu ferito gravemente perdendo la vista di un occhio. Dopo un lungo periodo di convalescenza potè tuttavia continuare a disegnare.

Nel 1921 Le Rallic era entrato nella casa editrice Petit Echo de la Mode (poi Montsouris) divenendo uno degli illustratori più costanti della loro rivista Lisette lanciata nel 1921. Comincia a collaborare con La Semaine de Suzette nel 1924. Le riviste a cui collaborò sono centinaia

La sua lunghissima carriera, non fu interrotta nemmeno dalla seconda guerra mondiale durante la quale Le Rallic lavorò per la rivista bretone Ololé, pubblicata dal 1940 al 1944. Usò vari pseudonimi: Smile all’inizio di carriera, Levesque in Lisette. R.Fanny per illustrazioni “per adulti” negli anni Trenta. Era di carattere gioviale, sempre sorridente amante della buona tavola; gran fumatore di pipa ne aveva sempre una accesa o spenta fra le labbra e fu fumando la pipa che si ritrasse in un disegno per Ololé

Continuò a lavorare fino al 1964. Infine i postumi della sua ferita all’occhio lo costringono a smettere e nel 1965 con la moglie si ritira a Sorel Moussel (Eure et Loir) Gravemente ammalato di un male incurabile, muore il 3 novembre 1968. A portarlo al cimitero fu il carro funebre del paese tirato da un vecchio cavallo a cui incontrandolo per strada aveva molte volte detto “ sarai tu a portarmi alla mia ultima dimora”.

(grazie a Anna per il testo italiano)

 

accueil
retour

©tous droits réservés www.lerallic.com 2002-2011